Home Page » Vivere la Città » Cultura e Beni culturali » Musei » Cripta e museo di Sant'Anastasio
Cripta e museo di Sant'Anastasio

..Corso Alfieri 365/a Tel. 0141 437454
Giorni di apertura:
Novembre-marzo
Da martedì a domenica: 10/13-15/18
Aprile-ottobre
Da martedì a domenica: 10/13-16/19

L'intervento, progettato dall'arch. Roberto Nivolo e coordinato dal Settore Beni Culturali del Comune di Asti, con la direzione scientifica della Soprintendenza ai Beni Artistici e Storici del Piemonte, ha recuperato uno spazio suggestivo che si sviluppa intorno al nucleo centrale della cripta e del sito archeologico ricco di preesistenze e di stratificazioni.

Il museo si caratterizza per la sua duplice realtà di sito archeologico e di sede museale, l'uno e l'altra strettamente correlati.
L'area ovest del museo mostra una ricca stratificazione di testimonianze archeologiche. La più straordinaria è la cripta di S. Anastasio, costruzione a pianta basilicale, suddivisa in tre navatelle con volte a crociera.
Il nucleo più antico (XI sec.), presenta colonne e capitelli di recupero di età romana e altomedievale, mentre gli ampliamenti a est e a ovest videro l'impiego di colonne e capitelli in arenaria appositamente realizzati.
Negli ambienti contigui alla cripta sono inoltre visibili tracce di pavimentazione romana, indizi di insediamenti abitativi del periodo tardo-antico, tombe di VIII-X secolo, il muro di fondazione della facciata della chiesa altomedievale di S. Anastasio (VIII sec.), resti della prima chiesa romanica (XI sec.) e della più ampia basilica dell'inizio del XII secolo, un muro della chiesa secentesca.
Quest'ultima, abbattuta nel 1907, e le precedenti chiese di S. Anastasio facevano parte dell'omonimo monastero femminile benedettino, documentato dal 1008, ma di probabile fondazione longobarda (VIII sec.). Il monastero, soppresso dal governo napoleonico nel 1802, fu per secoli non solo un centro di spiritualità, ma anche un'istituzione di forte peso economico e politico a livello locale grazie ai suoi vasti possedimenti fondiari ed ai legami con l'aristocrazia astigiana, da cui provenivano di solito le sue badesse.
Nella parte est del museo sono conservati elementi lapidei pertinenti al sito di S. Anastasio o comunque all'area cittadina, databili in prevalenza tra VIII e XVI secolo.

Questi i nuclei principali oggi esposti:

capitelli in arenaria della seconda chiesa romanica di S. Anastasio (inizio XII sec.), che si richiamano in parte a modelli lombardi (S. Ambrogio di Milano, S. Savino di Piacenza), in parte a modelli genovesi (chiostro del monastero di S. Tommaso);
capitelli, mensole, conci d'arco scolpiti (secc. XIII-XV) provenienti dalla chiesa gotica della Maddalena, dei Padri Domenicani, situata presso il Castelvecchio e demolita nell'Ottocento;
elementi architettonici e scultorei alto e bassomedievali (tra cui il paliotto un tempo in S. Pietro Consavia) che facevano parte di chiese astigiane;
pietre cantonali e stemmi provenienti da caseforti e palazzi signorili della città;
una lapide funeraria romana del I sec. d.C., rinvenuta a fine Ottocento nei pressi della Collegiata di San Secondo.

Condividi questo contenuto

Modulistica

Riferimenti e contatti

0141399489 (Musei) 0141399359 (Archivio Storico)

Valuta questo sito

Città di Asti
Linee guida di design per i servizi web della PA

Il sito istituzionale del Comune di Asti è un progetto realizzato da Internet Soluzioni S.r.l. e il Servizio Sistemi Informativi con la piattaforma ISWEB ® - Content Management Framework