Home Page » L'Amministrazione » Notizie » Comunicati Stampa Città di Asti » Ieri Premio d'Autore Città di Asti, stasera piazza Cattedrale sarà tutta per Arbore
Comunicati Stampa Città di Asti
Ieri Premio d'Autore Città di Asti, stasera piazza Cattedrale sarà tutta per Arbore
mar 19 lug, 2016

Sarà Elisabetta Gagliardi con il brano "Una volta sola" a volare a New York al Festival della canzone italiana: è lei la vincitrice del Premio d'Autore Città di Asti che sul palcoscenico di Astimusica ha portato ieri sera ventisei cantanti.

La solista ha 32 anni ed è di Alessandria: l'11 settembre, come ha ricordato il direttore della giuria Toni Vandoni (Radio Italia) al Teatro Millenium sarà tra i cinque italiani che si sfideranno, insieme ad altrettanti ragazzi americani, per arrivare primi al Festival della canzone italiana.

Per ora, grazie al brano che ha eseguito in scena con il bassista Nicola Bruno, si aggiudica la targa del premio voluto da Associazione culturale Elinor e Comune di Asti.

Seconda classificata Gloria Galassi di Cesena con "E sta a vedere che hai ragione tu", terzo con "Non è mai tardi" Marco Previato di Trofarello (To).

Alla goriziana Margherita Pettarin è andata invece la targa "Musica e Solidarietà": secondo il personale giudizio di Aldo Bergoglio (Associazione Progetto Sarah) la sua canzone, "Un momento", è stata quella che ha emozionato di più.

Nessun riconoscimento (ma molti incitamenti dal pubblico) per l'unica concorrente astigiana, Elisabetta Arpellino di San Damiano, tra i più giovani concorrenti in gara e in assoluto la più vicina alla città (chi ha fatto più strada è arrivato da Gela). Tra gli spettatori non sono mancati gruppi di fan che hanno animato la piazza con incitamenti e striscioni.

Buona la qualità dei brani presentati, molto differenti tra loro come i loro esecutori (tra i 17 e i 60 anni di età). "Uno solo cantante andrà a New York, ma gli altri venticinque sono comunque meritevoli di attenzione" ha premesso Vandoni prima che si proclamasse il vincitore. Ai giovani artisti l'incitamento di Massimo Cotto, direttore artistico di Astimusica e componente della giuria: "La cosa più importante è avere talento e salire sul palco giorno dopo giorno. Alla fine la strada la trovi. Proprio come in questi anni è successo a tanti ospiti di Astimusica, da Max Gazzè ai Subsonica". 

Stasera, intanto, il festival accoglierà in piazza Cattedrale Renzo Arbore e l'Orchestra Italiana: sarà grande musica. “La scaletta del concerto - anticipa Arbore - coniuga il nuovo e l’antico suono di Napoli: voci e cori appassionati, girandole di assoli strumentali, un’altalena di emozioni sprigionate dalle melodie della musica napoletana che evocano albe e tramonti, feste al sole e serenate notturne, gioie e pene d’amore".

Inizio alle 21.30 (biglietti a 50, 30 e 20 euro). Domani la rassegna chiude con Asti Live Band Music Contest, concorso per gruppi emergenti astigiani promosso dalla Confartigianato per i 70 anni di attività e curato da Associazione M.e.T.A. Ingresso libero.

Nelle foto: i ventisei artisti con giurati e organizzatori; la vincitrice Elisabetta Gagliardi con Toni Vandoni e il bassista Nicola Bruno; Aldo Bergoglio premia Margherita Pettarin

Condividi questo contenuto

Eventi correlati

12-12-2019
luogo: Teatro Alfieri
10-12-2019
luogo: Teatro Alfieri

In questa pagina

Valuta questo sito

Città di Asti
Linee guida di design per i servizi web della PA

Il sito istituzionale del Comune di Asti è un progetto realizzato da ISWEB S.p.A. e il Servizio Sistemi Informativi con la soluzione eCOMUNE