Home Page » L'Amministrazione » Notizie » Comunicati Stampa Città di Asti » Astimusica, in tremila ad applaudire i cori di "Asti God's Talent"
Comunicati Stampa Città di Asti
Astimusica, in tremila ad applaudire i cori di "Asti God's Talent"
lun 10 lug, 2017

Ieri sera domenica oltre tremila persone hanno assistito ad "Asti God’s Talent", festival dei cori giovanili organizzato dalla Pastorale giovanile e ospitato quest’anno ad Astimusica.

Anche questo quarto appuntamento della rassegna (diretta da Massimo Cotto, promossa da Comune e Asp e sostenuta da Banca di Asti, Fondazione Cassa di Risparmio di Asti, Iren, AEC, La Stampa) ha dunque fatto il pieno di spettatori dopo i Lou Dalfin, Rovazzi e Fiorella Mannoia.

Ieri sera sono stati sette i cori che si sono esibiti sul palco, di fronte alla giuria presieduta da Paolo Conte e composta da Massimo Cotto, Mario Nosengo, don Carlo Rampone e Mauro Tabasso.

“Mi fa molto piacere essere qui stasera - ha esordito Paolo Conte - Anche quest’anno un grosso imbarazzo nella scelta dei vincitori perché tutti hanno dimostrato la loro bravura, vincendo l’emozione di calcare un palco così importante”.

Cinque i premi assegnati. La giuria ha decretato il podio: primo classificato il coro della Torretta per la forte coesione, il lavoro accurato e la sensibilità dimostrata nell’interpretazione. Secondo Refrancore, terzo San Domenico Savio.

Il riconoscimento della Gazzetta d’Asti è andato al coro di Refrancore, mentre il voto del pubblico, ottenuto grazie all’invio di sms, ha premiato Don Bosco.

In gara anche Villanova, Cattedrale e Castell’Alfero.

Condividi questo contenuto

Eventi correlati

dal 16-02-2018 al 17-02-2018
luogo: Piazzale dell'Ospedale Cardinal Massaia
29-12-2017
luogo: Piazza Statuto

In questa pagina

Valuta questo sito

Città di Asti
Linee guida di design per i servizi web della PA

Il sito istituzionale del Comune di Asti è un progetto realizzato da Internet Soluzioni S.r.l. e il Servizio Sistemi Informativi con la piattaforma ISWEB ® - Content Management Framework