Home Page » L'Amministrazione » Notizie » Comunicati Stampa Città di Asti » In Piemonte saranno 66 le Case della Salute
Comunicati Stampa Città di Asti
In Piemonte saranno 66 le Case della Salute
ven 19 mag, 2017

La Giunta regionale avvierà nel corso di quest'anno, con uno primo stanziamento di 4 milioni di euro, 66 progetti di Case della Salute, veri e propri centri attrezzati aperti 12 o 24 ore al giorno che ospitano ambulatori, medici di famiglia, specialisti e infermieri, punti prelievi e servizi assistenziali.

L’assessore alla Sanità lo ha anticipato nel corso della riunione di lunedì 15 maggio,precisando che l’investimento complessivo per quanto riguarda il 2017 è di 13,3 milioni di euro, 8 messi a disposizione dalla Regione ed il resto a carico delle Asl. Le risorse

saranno utilizzate principalmente per nuove assunzioni di infermieri e altro personale sanitario, per incentivi a medici di famiglia e pediatri, per l'informatizzazione di tutti i servizi offerti e per l'acquisto delle attrezzature.

A Torino ci saranno quattro hub da attivare a cui faranno riferimento altri centri definiti “antenne” (Oftalmico/Valdese con il poliambulatorio di corso Corsica collegato, presidio Valletta di via Farinelli con antenne in via Monginevro e via Gorizia, Amedeo di Savoiacon antenne in via Pacchiotti, via Del Ridotto e corso Toscana, lungo Dora Savona con antenne in via Montanaro, via Andorno e via Paisiello).

Nel resto del Piemonte le Case saranno così dislocate: 11 nell'Asl To3 (potenziate o riconvertite Borgaretto di Beinasco, Torre Pellice, Cumiana, Vigone, Pomaretto, Pianezza, Giaveno, Susa, Avigliana, attivate ex novo Rivoli e Venaria); 6 nell' Asl To4 (potenziate Brandizzo e Castellamonte/Rivarolo, da attivare Leinì, Settimo, Lanzo e Caluso); 7 nell' Asl To5 (Carmagnola, Carignano, Chieri, Moncalieri e Nichelino più il potenziamento di Pino Torinese e La Loggia); 5 nell'Asl di Vercelli (da attivare a Cigliano e da potenziare a Santhià, Gattinara, Varallo e Coggiola); 4 nell'Asl Bi (da attivare a Cossato/Trivero e Biella, due fra Biella e Cossato); 7 nell'Asl No (potenziamento di Arona, acui sono collegate Ghemme e Oleggio, da attivare due strutture a Borgomanero e a Trecate); 4 nell'Asl Vco (da potenziare Omegna e Cannobio, da attivare Verbania e Crevoladossola); 4 nell' Asl CN1 (una nuova Boves/Busca e tre da potenziare a Demonte,

Saluzzo e Fossano); due nell' Asl Cn2 (da potenziare Bra e Montà d'Alba); 6 nell'Asl At (da potenziare a Nizza Monferrato, Villafranca, Canelli, San Damiano d'Asti, da attivare Montiglio e Villanova d'Asti); 6 nell'Asl Al (da potenziare il progetto Picasso a Ovada, Valenza e Castellazzo Bormida, da attivare Arquata Scrivia, Castelnuovo Scrivia e Moncalvo).  

(fonte Piemonte news)

Condividi questo contenuto

In questa pagina

Valuta questo sito

Città di Asti
Linee guida di design per i servizi web della PA

Il sito istituzionale del Comune di Asti è un progetto realizzato da Internet Soluzioni S.r.l. e il Servizio Sistemi Informativi con la piattaforma ISWEB ® - Content Management Framework